Ti ricordi ancora di me? Parte 2

ph: Pinterest

Quante paure ho accolto nel mio sguardo? Le tue paure e insicurezze, anche se eri perfetto, con gli occhiali di tuo padre, quelli neri e grandi che ti raccoglievano il ciuffo ribelle e nascondevano gli occhi, sempre troppo fuori dal mondo.

Forse è stato questo che mi spinse a dirti di sì, che ti avrei aiutato, che quel quattro sarebbe diventato un sette, che ti avrei spiegato tutte le regole grammaticali di ogni lingua, che ti avrei donato le mie pronunce, in cambio di qualche ora con te.

Per conoscerti meglio.

Per vedere i tuoi occhi stretti ai miei, le tue mani nello stesso cerchio delle mie.

Per sentirti accanto e capire il perché del mio renderti pensiero, nonostante il ruolo da sfigato che ti ostinavi a ricoprire.

Per trattenerti nella mia vita, con finta cortesia e vero interesse per le tue labbra e la tua mente. Con le tue camicette stropicciate e le felpe scure.

Io e te abbiamo i colori scuri come segno distintivo, un timbro… Abbiamo l’inverno come casa abituale, l’autunno come casa vacanza.

Non pensavo che ti avrei rivisto. Non in questo modo. Non accanto a me. Ho fantasticato su questo momento: rivederti in mezzo alla folla e riconoscerti solo dal tuo modo di camminare, dai come ti specchi nelle vetrine perché il ciuffo – che per me è un’opera d’arte che espongo da una vita nel mio museo dei ricordi – non ti convince mai e ti senti fuori posto. Non l’hai mai capito quanto sei bello, dicevi che io ti facevo sentire irresistibile, perché quando si ama qualcuno il riflesso dell’amore ci trasforma da brutti anatroccoli in cigni stupendi. Questa teoria, valeva solo per te, perché dicevi che io era già bella. Mi chiamavi figlia della luna, ricordi? Impazzivo quando me lo sussurravi. Ti saltavo addosso, coprendo di baci il tuo corpo, e di capelli. Hai ancora i miei capelli sulla tua felpa?

Io ricordo tutto, anche se non ti ho saputo tenere. Io

ricordo, che ti chiamavo amore, e facevo

quella voce da ebete, solo per te. Amore.

A.M.O.R.E.

Ricordo che eri il mio di amore. Dopo tutti questi anni, i miei occhi nei tuoi hanno ancora il loro posto, come i tuoi nei miei. Si stanno abbracciando. Fanno ciò che noi non avremo il coraggio di fare. Tranne che ripercorrere quello che ci ha fatto sentire eterni.

© –lemienottibianche – Tutti i diritti sono riservati.

#affetti #amore #emozioni #nudità #ricordi #sentimenti amcizia amicizia amore analisi arteculinaria autunno bookblogger books cinema clown colori cucina dolci emotività emozioni esperienze esperienzepersonali famiglia fiori incubi intervista legami leggere lettere libri novità passato paure pensieri petali primavera rabbia raccontarsi ricordi riflessioni scrittura scrivere sentimenti storiedidonne

Pubblicato da Maria Capasso

Autrice e blogger.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: