RILETTURE…

Litio per Medea, di Kate Braverman. Tropea Edizioni, 2004, pp. 284.

Litio per Medea - Kate Braverman - copertina

Sinossi. Rose è cresciuta con una madre affetta da narcisismo e gravemente disturbata e con un padre accanito giocatore che trascorreva ore passeggiando in giardino per sottrarsi al mondo. Ora che è adulta, si getta a capofitto in una serie di relazioni malsane e, dopo un matrimonio infelice, si rifugia nella cocaina. Come una droga che altera per sempre la percezione, Litio per Medea è un romanzo sui confini sottili che separano lucidità e follia, illusione e realtà.

Una storia tormentata e sofferta che tratta con veracità il problema della droga e del cancro. L’autrice non si ferma solo in superficie, ma scava a fondo altri malesseri: amori malsani e rapporti difficili coi genitori.

La protagonista, Rose si denuda di fronte al lettore e forse anche a se stessa: per la prima volta si rivela. Si specchia nei suoi fallimenti. Nei suoi errori.  Nelle sue stesse debolezze.

Ma questa è anche una storia di una  madre e figlia, della loro reciproca ribellione ed emulazione inconscia. Rose è cresciuta con una madre che pensava solo a se stessa, e un padre che passava il suo tempo a giocare.  Rose è adulta, ora, e tutto questo le pesa: non ha finito gli studi, non ha una professione, non ha più un matrimonio, non può vivere senza quell’ago in vena. Rose si lascia andare a relazioni che la sfruttano e la usano senza pietà, e lei li lascia fare. Non ha più amore per stessa. Ha smarrito la strada. Un evento sconvolgerà la vita di Rose e la riavvicinerà alla madre: tanto diverse, tanto uguali.

La protagonista ritroverà la via smarrita? Soprattutto amerà per prima volta se stessa e no le sue debolezze? C’è da aggiungere che Litio per Medea delinea in modo stupefacente i segreti che si celano nella famiglia di Rose: ogni famiglia ha il suo segreto inconfessabile e, spesso, a tirarlo fuori è chi non ti saresti mai aspettato. Una lirica disperata, a tratti violenta, che attacca il cuore e lo rielabora scomponendone la materia per trasformarlo in un gioiello grezzo che continua a pulsare.

Litio per Medea non è solo un romanzo, ma anche un saggio autentico sulla scrittura, una lezione di passione, eros  e sincerità.  Ogni parola, ogni movimento viene riequilibrato con un talento inestimabile. Ogni sfumatura di dolore è un coltello a doppia lama tagliente che non ha pietà di nessuno. Kate Braverman livella il passato e modella il futuro della sua protagonista che proprio come Medea cerca la sua vendetta personale. Un finale degno di un romanzo che consiglio a tutti coloro che amano letture impegnative, interessanti e che pretendono la massima attenzione.

© –lemienottibianche

Tutti i diritti sono riservati.

Pubblicato da Maria Capasso

Autrice e blogger.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: